Costruzioni web

logo fiaccola                     Facebook  Twitter  Google  Pinterest                              cookie policy

A+ A A-

JCB raggiunge quota 200.000 sollevatori telescopici

Nella foto, da sinistra a destra, Ian Pratt, Ian Vickery, Cliff Ferrie, Mick Smith, Dave Bailey, Nick Miller, Paul Stockley, Richard Jenkinson and Paul Grys. Nella foto, da sinistra a destra, Ian Pratt, Ian Vickery, Cliff Ferrie, Mick Smith, Dave Bailey, Nick Miller, Paul Stockley, Richard Jenkinson and Paul Grys.

JCB ha raggiunto un importante traguardo, quello dei 200.000 sollevatori telescopici prodotti. Il primo JCB Loadall, il modello JCB 520, venne costruito a Rocester, Staffordshire, il 3 ottobre 1977, JCB internae nel primo anno di produzione a pieno regime furono solo 300 gli esemplari prodotti da un piccolo gruppo di addetti. Oggi dalle linee di produzione escono ogni anno migliaia di Loadall, e gli stabilimenti impiegano uno staff di circa 800 persone.

Il presidente di JCB Lord Bamford ha dichiarato: “Dai piccoli numeri degli esordi il Loadall è diventato una macchina molto importante sia per JCB che per le costruzioni e l'agricoltura. ‘Rivoluzionario’ è un aggettivo spesso abusato, ma nel caso del Loadall è assolutamente appropriato. La movimentazione dei carichi nei cantieri edili e nelle aziende agricole è profondamente cambiata grazie all'introduzione sul mercato del Loadall nel lontano 1977. Il team JCB cui sono affidate la produzione e la vendita dei Loadall merita tutte le nostre congratulazioni per aver raggiunto l'eccezionale traguardo delle 200.000 macchine prodotte”.

Ci sono voluti quasi 30 anni per raggiungere le 100.000 unità Loadall vendute, ma sono stati sufficienti solo altri dieci anni per raddoppiare questo risultato; un dato che testimonia la crescente importanza del prodotto JCB, oggi il produttore di sollevatori telescopici numero uno al mondo in questo segmento. JCB oggi JCB Interna2propone il Loadall in un totale di 90 diversi modelli, 88 dei quali sono prodotti presso il World HQ di Rocester per i mercati globali mentre due sono realizzati in India per il mercato interno.

Tra le principali innovazioni negli ultimi 39 anni, si ricorda l'introduzione di una gamma di macchine con il motore montato in posizione laterale al posto della tradizionale collocazione centrale, soluzione che ha permesso di abbassare il punto di articolazione del braccio migliorando cosi la visibilità per gli operatori di ben 390 mm. Nel 2008 tali miglioramenti hanno compiuto un altro importante passo in avanti con l'introduzione della gamma Hi-Viz, in cui la posizione del punto di articolazione è stata ulteriormente ribassata. Altra tappa significativa, il sistema di blocco del differenziale introdotto sui Loadall nel 2001, che ha consentito alle macchine trasferimenti su strada più rapidi e migliori prestazioni in pendenza, oltre a migliorare i consumi di carburante. Infine, il sistema brevettato Smooth Ride System ha rappresentato un altro importante vantaggio per gli utilizzatori, in quanto ha consentito di ottenere una migliore ritenzione del materiale nella benna nei trasferimenti su terreni accidentati, incrementare la produttività e migliorare il comfort dell'operatore.

Ultima modifica il
Torna in alto

Login or Register

LOG IN

Register

Registrazione utente